Il blog di Libshop

Tutte le novità dai ristoranti Libshop e Libano a Parigi.

Rue Saint-Denis a Parigi, una strada mitica ricca di storia

Lo sapevate ? Là Via San Denis Est una delle strade più antiche di Parigi, e la sua attuale reputazione ha poca somiglianza con la sua lunga storia. In effetti, poche persone lo sanno, ma Via San Denis una volta era la regina di Parigi, la regolatore aziendale, e la guida alle sue opinioni politiche. Scopri i suoi segreti tanto incredibili quanto sconosciuti attraverso questo viaggio attraverso la storia della Francia

Rue Saint-Denis nel 1903, al 96, nel punto esatto dove oggi si trova il ristorante Libshop. Sullo sfondo si vede la famosa chiesa di Saint-Leu – Saint-Gilles.

 

Originariamente una strada reale

Inizialmente è stato disegnato l'asse di rue Saint-Denis dal I secolo dai Romani. Questa strada ha così permesso di dirigere alle città di Saint-Denis, Pontoise e Rouen.¹

Il suo nome si riferisce a Dennis di Parigi, e la strada era nel Medioevo considerata la la più bella, la più lunga e la più ricca di tutta Parigi. Infatti, è attraverso questa strada che passavano le processioni durante il solenne ingresso dei re a Parigi dopo la loro incoronazione, o durante i funerali dei re di Francia nella Basilica di Saint Denis.²

rue-saint-denis01

La sua natura pionieristica lo rende la prima strada di Parigi ad essere asfaltata (nel XIV secolo), e la prima ad essere calcata da molti viaggiatori. In effetti, era in rue Saint-Denis che era stata allestita "La poste aux chevals", e è quindi da lì che i tanti viaggiatori, giunti a Parigi con le diligenze postali, hanno scoperto la città.

Dal 2019, la maggior parte dei vecchi ciottoli di rue Saint-Denis è stata rimossa e sostituita con lastre e un pavimento molto più liscio e uniforme.

L'attuale terrazza del ristorante Libshop

Questi recenti lavori sono stati probabilmente intrapresi per dare alla strada un aspetto più "moderno", e forse più pratico da attraversare perché alcuni ciottoli si stavano sganciando dal terreno, ma è solo una questione di calcoli perché non abbiamo nessuna informazione al riguardo .

 

Rue Saint-Denis, un tempo regina economica di Parigi

Diciotto famiglie governarono rue Saint-Denis per diversi secoli. Se il quartiere è stato spesso descritto come un reticolo di vicoli sporchi e muri umidi, gli sono stati concessi diversi sgomberi e successivi lavori. I negozi di questa strada erano famosi in tutta Europa e rue Saint-Denis rappresentò Parigi e il suo boom economico per diversi secoli..

rue-saint-denis03

Così, nel XVI secolo, divenne rue Saint-Denis il centro del commercio di tendaggi, sete, pizzi, mercerie, ecc… Questi commercianti di padre in figlio costruirono poi grandi fortune, fino a riconvertirsi in giustizia o in politica.

 

Rue Saint-Denis, uno dei principali attori politici nella storia della Francia

La borghesia di rue Saint-Denis, per la sua ricchezza e la sua importanza commerciale, ha svolto un grande ruolo politico nel corso della storia. Era ritenuta "nemica di ogni oppressione e facile ad abbracciare tutte le idee generose", il limite era la sua "prosperità materiale", anche se significava trasformarsi in una banderuola opportunistica.³

Si dimostrò così a sua volta cattolico, poi divenne il centro del Terzo Partito (che raggruppava sorte di "conservatori liberali"), prima decidendo di restaurare l'autorità regia, poi infine di gettarsi anima e corpo nella Rivoluzione francese del 1789. Tuttavia, il Terrore alla fine ha smorzato il suo entusiasmo e i negozi di rue Saint-Denis si lasciarono convincere dai monarchici a sostenerli durante l'insurrezione del 13 Vendémiaire (un tentativo di colpo di stato guidato dai realisti a Parigi il 5 ottobre 1795).

rue-saint-denis04

Applaude il colpo di stato del 18 brumaio di Napoleone Bonaparte, che segnò la fine del Direttorio e della Rivoluzione francese, ma divenne ostile all'imperatore quando le guerre imperiali ne rovinarono il commercio. Questo fece sì che la rue Saint-Denis fosse qualificata da Bonaparte come la rappresentazione stessa di “incostanza, vanità e stupidità parigina”.

Ha salutato con gioia la caduta di Napoleone, e il ritorno della pace e l'arrivo degli stranieri portarono in questa contrada una prosperità senza precedenti, causa di colossali fortune.

rue-saint-denis02

Il 30 giugno 1878 segnò il prima festa nazionale autorizzata, dopo la sconfitta di Napoleone III, preannunciando così una nuova era politica. Rue Saint-Denis ha celebrato questo evento e il famoso pittore Claude Monet ha immortalato questo momento attraverso il suo lavoro Rue Saint-Denis, festa del 30 giugno 1878, esposto oggi a Museo delle Belle Arti di Rouen e considerato A capolavoro dell'impressionismo.

monet-rue-saint-denis
Rue Saint-Denis, festa del 30 giugno 1878 (Claude Monet)

 

Un quartiere eccitante in termini di architettura

Rue Saint-Denis è un vero e proprio terra di curiosità per chiunque sia interessato. Ne contiene molti segreti architettonici e storici totalmente sconosciuto, come testimonia questo edificio situato proprio di fronte al ristorante Libshop, e che segna la transizione tra art nouveau (linee curve) e art déco (geometria cubista e rigore delle forme).

 

Una strada mitica per sempre

Se oggi rue Saint-Denis ha perso la sua focosa militanza, lo è comunque una via dello shopping, dinamica e piena di vita. È diventata l'incarnazione stessa del cosmopolitismo. Incontriamo lì turisti stranieri e provinciali che, come viaggiatori nel Medioevo, iniziano il loro viaggio parigino da Les Halles, ma anche tutti i residenti dell'Ile-de-France che passano per questo crocevia centrale di Parigi, per lavoro o per passeggiare .

Affascina i sociologi, fa appello agli appassionati di cultura, offre cibo e bevande ai frequentatori di feste ed è un luogo essenziale per lo shopping.. Pieno di edifici notevoli e di palazzi intrisi di storia, non finirà mai di stupirvi se calpesterete i suoi leggendari ciottoli, a patto di spalancare gli occhi... e le tue papille gustative !

 

Cosa fare e dove uscire nel quartiere di Halles, rue Saint-Denis e Etienne Marcel?

Rue Saint-Denis attraversa il quartiere delle Halles e arriva fino a Porte Saint-Denis, prima di diventare Rue du Faubourg Saint-Denis.

Su questo percorso ci sono molte cose da scoprire. Percorri la via pedonale e goditi l'architettura, la ristrettezza di certi passaggi, e alza la testa per scoprire gli edifici che la attraversano.

Da Châtelet, avrai l'opportunità di scoprire il tratto molto vivace di rue Saint-Denis, all'incrocio con la leggendaria rue des Lombards: jazz club, pub irlandesi, shisha bar, ristoranti, fast food e altre pizzerie vi lascerà l'imbarazzo della scelta.

A livello di bar, puoi provare il Fottuta vendita se vi piace l'atmosfera movimentata, la Guinness Tavern o l'affollatissima Cabana Beach, poco più avanti sul boulevard Sébastopol (ma attenzione al rumore delle macchine). Si noti la presenza di a Hamburger in bianco e nero, il marchio promosso dal famoso youtubeur Ibrahim Tsetchoev.

Quindi puoi fare shopping durante il giorno poiché passerai dal baldacchino, che è il nuovo centro commerciale completamente rinnovato a Châtelet-les-Halles. Puoi passeggiare sulla piazza del Fontana degli Innocenti, chiedi a Pane quotidiano, mangia un hamburger al Cinque ragazzi di passaggio o in attesa di essere raggiunto l'artigiano degli hamburger un po' più in alto, e fare un po' di shopping (Nike, Foot Locker, ecc…).

Quindi, puoi prendere rue de la Grande Truanderie per raggiungere una piazzetta molto piacevole dove puoi bere un caffè al Padre tranquillo, A Panama o a Vecchio Leone, tipiche brasserie parigine, gustate un sushi proprio di fronte o un bao's at Baos. Da scoprire anche i ramen da Hataka Choten, un noto ristorantino.

Un po' più in alto verso la rue du Cygne, avrete Eathai per i fan dello street food asiatico, il Roomie's che fa anche degli ottimi hamburger, e il Zango, per la cucina del mondo, con un'atmosfera più tranquilla.

Per bere una birra, da notare la presenza del bar Il ripristino, per gli amanti dei videogiochi vintage, o molto superiore Calzolaio per una birra economica sfruttando appieno il fervore di rue Saint-Denis, o più verso il passage du Grand Cerf, il birrificio Il Grande Cervo, una magnifica brasserie con un servizio sempre impeccabile. Parlando di Passaggio del Grande Cervo, puoi fare una passeggiata lì, è un passaggio molto piccolo ma assolutamente da vedere. Alla sua sinistra, il ristorante Il passaggioe un sacco di enoteche in giro. Senza dimenticare Cariatidi, un bar molto vivace per la fine della serata 🙂

Infine, continuando con Etienne Marcel, anche lì la scelta in fatto di cibo è pressoché illimitata: hai il mitico Joe Allen (cucina americana), Musa l'Africano (birrificio africano), Rinoceronte (ex Penderie), e sulla destra, tornando in rue Saint-Denis, troverete l'ottimo ristorante pollastra rue Etienne Marcel (cucina francese premium con un'incredibile decorazione d'interni), la crêperie Ar Pool Gwen per una crêpe bretone di piccola qualità, Dolce Bazar per i waffle e altri dolci, gli ormai famosi Museo dell'illusione e proprio alla sua destra, il nostro ristorante Libshop, pronto a farvi scoprire i suoi panini e altri hummus preparati ogni giorno con amore!

Abbiamo sicuramente dimenticato molti altri marchi e luoghi da scoprire o riscoprire intorno a rue Saint-Denis, quindi non esitate a condividere i vostri luoghi preferiti nei commenti!

Ziad

Ziad

Co-fondatore di Libshop, appassionato di nutrizione ed esploratore digitale!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo 💚

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT