Il blog di Libshop

Tutte le novità dai ristoranti Libshop e Libano a Parigi.

Cos'è il falafel? Calorie, glutine, origini... Saprai tutto!

Un momento in cui senti parlare di Falafel. I vostri amici vegetariani non possono farne a meno, e i foodies di Instagram non perdono occasione per mettersi in mostra con queste preziose polpette tra le mani.

Un piatto orientale che sta conoscendo un boom particolare, in particolare grazie al successo di uno dei suoi leggendari ambasciatori situato nel Marais, e anche grazie alla recente democratizzazione del vegetarianismo presso il grande pubblico.

Ma a proposito, cos'è esattamente il falafel? Definizione!

IL Falafel è un piatto mediorientale composto da gnocchi fritti, i cui ingredienti principali sono ceci e/o fave, oltre che vari spezie.

 

Le origini dei falafel

Il falafel viene dal Medio Oriente. La sua esatta origine è oggetto di accese polemiche. Ma sempre più specialisti concordano sul fatto che sia nato a Egitto. Infatti, una teoria popolare afferma che il piatto sia stato inventato in Egitto circa 1.000 anni fa dai cristiani copti, che lo mangiavano in sostituzione della carne durante la Quaresima. E dalla città portuale di Alessandria, la ricetta sarebbe stata esportata in tutto il Medio Oriente.

Il cono di minifels servito al Libshop.

È stato anche ipotizzato che il falafel possa risalire all'Egitto faraonico. Altre teorie suggeriscono che potrebbe aver avuto origine dal subcontinente indiano, dove i cibi a base di ceci erano diffusi, in particolare nello Yemen. Tutte queste ipotesi non sono mai state provate. E se non ne conosciamo l'origine esatta, tutti concordano sul fatto che si tratti di un piatto levantino.

Il falafel viene menzionato per la prima volta nella letteratura inglese, nel 1941.

Etimologicamente, la parola falafel potrebbe derivare dal termine mlaff, che significa "avvolto", perché il falafel viene spesso mangiato in un panino. È anche possibile che derivi dal termine arabo flayfle, che significa "spezia" o "pepe".

 

Come si mangia il Falafel?

I falafel possono essere mangiati negli gnocchi, accompagnato da salsa tahin, una salsa a base di crema di sesamo, oppure una salsa allo yogurt.

I falafel possono anche essere mangiati panini, accompagnato da varie verdure crude a scelta (cavolo bianco, cavolo rosso, cipolle, ecc…), all'interno di una pita aperta o di una frittella arrotolata come un involucro.

La falafel pita di Libshop.

Al Libshop, il falafel viene servito in diversi formati. Il più conosciuto è il formato "sandwich", in cui le verdure crude e le salse sono state rivisitate dal nostro chef per renderlo un prodotto veramente qualitativo e nutriente. Si trova anche in formato “cono”, servito con una salsa tzatziki o tahina. Infine, puoi gustarli come piatto o in insalata.

 

Come sono diventati popolari i Falafel?

Al suo fianco pratico e facile da trasportare, il falafel è diventato una forma comune di cibo da strada e fast food in Medio Oriente. Quindi è stato integrato nella tabella di mezze orientali, accompagnando il famoso hummus e il caviale di melanzane.

Alla fine è stato reso popolare in tutti i paesi del Medio Oriente: Israele, Libano, Giordania, Siria, Palestina, Iraq, Iran, Turchia… Fino a diventare quasi un piatto nazionale sia in Israele che in Libano.

Il falafel pita da portare via, al Libshop di Etienne Marcel.

Poi, i falafel hanno conquistato il mondo, attraverso la diaspora ebraica, libanese, palestinese, avendo in particolare come staffetta vegetariani, che ne hanno fatto il loro panino vegetariano preferito. In Nord America, è diventato più popolare dal 1970. In Germania, è stato reso popolare nei quartieri in fase di gentrificazione. E naturalmente, in Medio Oriente, è un must nel cibo di strada, al punto che McDonald's ha servito “McFalafel” per un po' nei suoi ristoranti egiziani!

 

Qual è la ricetta dei falafel?

Esistono e coesistono diverse ricette. C'è generalmente la ricetta israeliana, la ricetta egiziana, la ricetta libanese… E le ricette “personalizzate” che gli chef stanno sviluppando per modernizzare questo prodotto.

Possono essere fritti o al forno. Ma gli ingredienti principali sono ceci, fave, aglio, prezzemolo, coriandolo e varie spezie come il cumino Per esempio.

Il piatto di minifels di Libshop.

Secondo le ricette, alcuni tolgono i fagioli, altri mescolano fagioli e ceci in proporzioni più o meno disuguali. Infine, alcuni apportano un tocco maggiore di erbe e aromi, che tende a rendere i falafel più o meno verdi, o più o meno gialli all'interno.

Quanto a noi, avete indovinato, abbiamo personalizzato la ricetta del falafel per renderlo un prodotto unico e dal gusto inimitabile.

 

I Falafel sono davvero vegetariani/vegani?

La particolarità di Falafel è precisamente che si tratta di un gnocco 100% vegano. Puoi assaggiare il Falafel con i loro salsa tahin, crema di sesamo, che è anche 100% verdura !

Fai attenzione, tuttavia, se ti immergi falafel nello tzatziki, quest'ultimo conterrà latte, a differenza della salsa tahina. Il tuo pasto sarà quindi vegetariano e non vegano.

Puoi comunque gustarli con hummus o caviale di melanzane, che sono mezes 100% vegani, vale a dire senza latticini.

 

Falafel è senza glutine?

IL Falafel è un prodotto che non contiene senza glutine. I ceci e le fave lo sono legumi che dovrai reidratare durante la notte prima della cottura. Un processo noioso ma vale la pena fare una deviazione perché il risultato è delizioso e nutriente! E che delizierà le persone che non vogliono mangiare glutine!

 

Il falafel fa bene alla salute?

Falafel contiene circa 325 calorie per 100 grammi. È composto da 35% di acqua, 30% di carboidrati, 15% di proteine e circa 20% del resto, che può includere pochi grassi, vitamine e minerali. Questi sono calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, zinco, rame, manganese, vitamina C, tiamina, acido pantotenico, vitamina B e acido folico.

I fitochimici includono il beta-carotene. Il falafel è ricco di fibre solubili, che hanno dimostrato di abbassare il colesterolo nel sangue.

Quando sono fritti, i falafel contengono relativamente pochi grassi e poiché vengono generalmente consumati con insalata e verdure crude, sono entrambi sani e soddisfacenti.

La ciotola di falafel di Libshop.

Nei panini il pane aggiunge una nota meno “salutare”. Per questo noi di Libshop abbiamo optato per il pane pregiato in modo che il pasto sia composto da più verdure crude e falafel che pane! E per i più prudenti, trovano sempre i nostri falafel in formato "insalata" 🙂

Se ti è piaciuto questo articolo, non esitare a commentarlo e condividerlo!

Ziad

Ziad

Co-fondatore di Libshop, appassionato di nutrizione ed esploratore digitale!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo 💚

4 risposte

  1. Pagina web molto istruttiva sulla trasparenza del falafel e le sue buone proprietà. Non esiterei a fermarmi lì per pranzo la prossima volta che vedo un ristorante che lo offre! Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT