Libreria Guida di viaggio

La guida definitiva per visitare il Libano✈️

Akkar, il villaggio sconosciuto del Libano

Isolato e un po' lontano dal "progresso", il villaggio di Akkar ha fortunatamente conservato tutta la sua autenticità. Il luogo ideale da scoprire per vivere più vicino alla natura e alle antiche tradizioni libanesi.

https://www.instagram.com/p/B1lGbLXpGy1/

L'Akkar, se è stato dimenticato da tutti, compresi i locali, ospita un numero incredibile di siti archeologici, magnifici siti naturali, foreste rare ed eccezionali, una grande diversità di popolazione e antiche tradizioni ancora vive.

https://www.instagram.com/p/B0BZS7Jo3Yq/

Da Beirut ad Akkar, la strada è un po' lunga (da 2 a 3 ore). Ma il panorama ne vale la pena. Dalla rotonda di Aabdé, all'ingresso di Akkar, lungo la costa verso Aboudiyeh, un'autostrada conduce a Menjez, primo punto di visita obbligato.

https://www.instagram.com/p/BzTLpqpFKXv/

Menjez ospita il Convento di Sayyedet e Qalao, Nostra Signora della Cittadella. Questo convento domina il Narh el-Kebir, il fiume che separa il Libano dalla Siria. Offre un panorama eccezionale sulla verde vallata che funge da confine naturale tra i due paesi. La sua risorsa principale? Una magnifica chiesa in pietra nera basaltica restaurata e un magnifico convento costruito dai Gesuiti all'inizio del XX secolo. Entrambi gli edifici sono costruiti sulle rovine di un'altra antica chiesa.

https://www.instagram.com/p/B29NYKDgOBv/

https://www.instagram.com/p/Bpm7ZIGF8Lq/

Preziosi monumenti adornano anche il lungo sentiero che dal villaggio di Menjez conduce al convento: resti di tombe megalitiche preistoriche, circolari, rettangolari o quadrate che risalgono al 2000 a.C. circa

https://www.instagram.com/p/BjDWgmMBfmW/

Altra vestigia archeologica da visitare ad Akkar, il tempio della Dea Nemesi che si trova a Kobayat, sulla strada per Beit Jaalouk, Maqam er-Rab. Questo tempio, realizzato in pietra di basalto nero proveniente dal Libano, risale all'epoca romana. Si narra che le autorità romane, all'epoca in difficoltà, tollerassero il culto della dea greca da parte della popolazione locale. Si noti che la Dea Nemesi, nella mitologia greca, è quella della fortuna e della vendetta.

Poco distante si trova il convento dei Padri Carmelitani, risalente alla metà dell'Ottocento. Costruito da Padri italiani, questo convento ospita una chiesa molto colorata dedicata a San Doumit. All'interno di questo convento si trova il museo delle farfalle e degli uccelli. Unico nel suo genere in Libano, questo museo occupa una vecchia scuola e riunisce la più importante collezione di farfalle del paese. In particolare, puoi vedere una varietà di uccelli imbalsamati e alcuni animali selvatici della regione. Una raccolta raccolta da padre François Tomb e sviluppata da padre Ayoub Yaacoub.

https://www.instagram.com/p/BNCY_8pDbkh/

https://www.instagram.com/p/B0dhLBqJr2m/

Proseguendo su una bellissima vallata verdeggiante, il sentiero conduce al Mar Challita, antico tempio dedicato a Pan, divinità greca metà umana metà animale. Il tempio, prima greco, diventa cristiano e maronita prima di essere completamente abbandonato e finire in un antico sito in rovina.

https://www.instagram.com/p/Bbr6fXFDh02/

https://www.instagram.com/p/B20vZsFjTUu/

Per gli amanti della natura, una superba foresta di abeti cilici, cedri e ginepri si trova a circa 40 minuti da Kobayat. La vegetazione offre un paesaggio eccezionale fatto di un misto di pini, ginepri, abeti e cedri. In altezza, è Chir es-Sanam, una roccia che, dall'alto dei suoi 1600 m di altitudine, è decorata con una stele babilonese del tempo di Nabucodonosor (550 aC). La roccia fiancheggiata da vecchi e bellissimi abeti e la montagna ricoperta di cedri, offrono un paesaggio mozzafiato.

Ziad

Ziad

Co-fondatore di Libshop, appassionato di nutrizione ed esploratore digitale!

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo 💚

Una risposta

  1. Guarda questi luoghi in cui viviamo l'emozione di sapere che questi luoghi remoti sono il nostro antenato (Domingo Matias/Mukahaiel o come si pronuncia o scriba) salió da Halba, per non tornare mai più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITIT